venerdì 25 maggio 2018

L'amore e 10 cose che non conosciamo



L'amore, quel sentimento più decantato dai poeti, il più ricercato dall'essere umano e il più desiderato. Senza amore non siamo nulla, non è possibile non aver mai amato, perché non farebbe parte della natura umana. Siamo nati per amare ed essere amati, gli stessi animali hanno le loro preferenze e non sono immuni da questo sentimento. Quando l'amore bussa alla nostra anima, ecco aprirsi un intero universo nel nostro io, tutto ha un senso e lo ha ancora di più quando la persona amata ci dona il suo sentimento. Per alcuni, il vero significato di amore è donare senza chiedere nulla in cambio: amare in maniera incondizionata senza vincoli, senza timori e non volere nulla in cambio, se non desiderare il meglio dalla vita per quella persona. Amare una persona, quindi, non deve essere un bisogno ricercato nell'altra metà. L'amore deve arricchire la nostra essenza, è un valore aggiunto e non di mancanza. L'amore è la vita stessa, è quel sole che non tramonta mai!.

10 cose che non conosciamo sull'Amore

1) In base a una ricerca fatta si è rivelato che una coppia innamorata dopo essersi guardata per tre minuti negli occhi riescono a sincronizzare i loro battiti cardiaci.

2) L'abbraccio e le coccole hanno la stessa reazione neurologica dell'assunzione di antidolorifici.

3) Nel 1250 il simbolo del cuore fu utilizzato per rappresentare l'amore.

4) È scientificamente provato: essere innamorati rende una persona meno produttiva.

5) La Philofobia è la paura di innamorarsi.

6) Secondo un sondaggio il 2% delle coppie si è innamorato in un supermarket.

7) Nell'antica Grecia, lanciare una mela rappresentava una vera dichiarazione d'amore.

8) Gli uomini hanno più probabilità di dire "Ti amo'' rispetto alle donne, che come sappiamo ha una natura più riflessiva.

9) Il re Harald di Norvegia giurò di rimanere celibe per tutta la vita a meno che non potesse sposare il suo vero amore, la figlia di un mercante di stoffe. 

10) La lingua greca ha quattro modi differenti per dire ti amo:  Agape; Eros; Philia e Storge: amore familiare.

11) Il sanscrito ha 96 parole per dire amore. L'antico persiano ne aveva 80. L'inglese solo uno.

lunedì 30 aprile 2018

Conosci tutto sul Giappone: 22 curiosità (Parte II)



Ecco la seconda parte sulle curiosità che riguardano il Giappone

31) Nei supermarket giapponesi puoi trovare oltre 70 gusti di Fanta, tra cui "The Mystery Fruit", "Genius Energy" e "Hip Hop.

32) Durante la seconda guerra mondiale, un console giapponese ha salvato 6.000 ebrei dall'olocausto concedendo loro tutti i visti per vivere in Giappone.

33) Si stima che circa 1 milione di uomini giapponesi si isoli nelle proprie camere da letto per anni, senza mai uscire. Questa condizione è chiamata creando Hikikomori.

34) In giapponese, ci sono almeno 20 modi diversi per dire mi dispiace.

35) Dopo lo tsunami del 2011, sono state ritrovate della tavolette in pietra risalente a 1500 a. c - con la scritta: 'Non costruire la tua casa al di sotto di questo punto!'.

36) In Giappone, la principale causa di morte per gli uomini tra i 20 e i 44 anni è il suicidio.

37) Nel 2016 è stato inaugurato a Tokyo un museo in onore di Snoopy.

38) Con una media di 83,5 anni, il Gippone ha la più alta aspettativa di vita.

39) In Giappone, le relazioni omosessuali tra samurai buddisti e clero sono abbastanza comuni.

40) Durante la seconda guerra mondiale, i giapponesi uccisero più cinesi, dei nazisti con gli ebrei.

41) C'è un villaggio chiamato Nogoro dove ci sono più bambole che abitanti.

42) Un quarto di single maschi giapponesi tra i 30 -40 anni è ancora vergine.

43) I senza tetto a Tokyo dormono nei internet - caffè, dal momento che è più economico di pagare un affitto.

44) In Giappone esistono i McRefugees: persone che non possono permettersi di pagare un affitto e vivono nei ristornati.

45) Gli ami da pesca più antichi del mondo sono stati trovati in una grotta in Giappone, risalente a circa 23.000 anni fa.

46) La prima volta che i giapponesi sentirono la voce del loro Imperatore fu quando annunciò la resa del Giappone alla radio durante la seconda guerra mondiale.

47) Kodokushi: che significa" morte solitaria ", è un fenomeno comune in Giappone,  di persone che muoiono in perfetta solitudine.

48) Morire per il troppo lavoro in Giappone è cosi comune che c'è una parola per descriverlo 'Karoshi'.

49) È possibile acquistare il gelato al gusto di anguilla.

50) Ai detenuti del braccio della morte giapponese non viene comunicata la data di esecuzione. Si svegliano ogni giorno chiedendosi se potrebbe essere l'ultimo.

51) La città di Edo cambiò formalmente il suo nome in Tokyo, che significa "capitale orientale", nel 1868

52) In Giappone ci sono 80.000 negozi di Ramen.

53) C'è un hotel in Giappone gestito da robot.


giovedì 26 aprile 2018

Conosci tutto sul Giappone: 30 curiosità (Parte I)



Sono sempre stato affascinato dal Giappone, un amore per questa terra che è iniziato da bambino: estasiato da suoi cartoni animati, dalla sua cultura, arte e tecnologia, ora anche dalla sua cucina. A seguire, la prima parte delle 30 curiosità che riguardano questa magnifica terra.
1) Fino al 2015 ballare di notte era illegale in Giappone.
2) Ogni anno in Gippone vengono registrate 1500 scosse di terremoto.
3) Oltre 50.000 persone in Giappone hanno superato i 100 anni.
4) La più antica compagnia commerciale del mondo ha operato in Giappone dal 578 d.C fino al 2006.
5) La penisola Giapponese è composta da 6800 isole.
6) I treni giapponesi sono tra i più puntuali al mondo: il loro ritardo medio è di soli 18 secondi.
7) Le angurie quadrate sono coltivate dagli agricoltori giapponesi per facilitare lo stoccaggio e lo stoccaggio.
8) In Giappone ci sono più animali domestici che bambini.
9) Il tasso di natalità del Giappone è così basso che i pannolini per adulti sono venduti più dei pannolini per bambini.
10) Il 98% di tutte le adozioni in Giappone sono di maschi, in modo che le imprese familiari possano rimanere all'interno della famiglia.

11) Il giapponese che sopravvisse allo schianto del Titanic fu definito un vigliacco perché non morì con gli altri passeggeri.
12) Il 90% dei cellulari sono impermeabili perché i giovani giapponesi li usano anche sotto la doccia.
13) In Corea e in Giappone, c'è un Cat Cafe dove puoi andare a bere un caffè e rimanere con i gatti per ore.
14) Il Giappone ha 5,52 milioni di distributori automatici.
15) È consentito dormire sul posto di lavoro, perché è adibito a un gran lavoratore.
16) Il Giappone e Russia non hanno ancora firmato un trattato di pace per porre fine alla seconda guerra mondiale a causa della Disputa delle isole Curili.
17) Dopo le lezioni, alunni e insegnanti ripuliscono le aule.
18) Il numero di cinesi uccisi dai giapponesi durante la seconda guerra mondiale è maggiore del numero di ebrei uccisi nell'Olocausto.
19) Ogni anno vengono usate in Giappone circa 24 miliardi di bacchette per mangiare.
20) In Giappone esiste un edificio con un'autostrada che lo attraversa.

21) I gatti di colore nero sono considerati portatori di fortuna.
22) Per la Vigilia di Natale, i giapponesi sono soliti andare da KFC.
23) In molte sorgenti termali è vitato l'accesso per coloro che hanno un tatuaggio.
24) Viene utilizzata più carta per produrre fumetti che per carta igenica.
25) In Giappone hanno costruito un treno che "galleggia" sopra i binari per magnetismo, raggiungendo i 500 km / h (311 mph).
26) Per coloro che decidono di suicidarsi sotto un treno, viene addebitata una tassa del disturbo per la famiglia del defunto.
27) I  Giappone è ancora attiva la pena di morte.
28) Molte strade giapponesi non hanno nome.
29) Il burger king in Giappone è completamente nero,
30) Le autorità giapponesi hanno costruito una recinzione attorno al vulcano del Monte Mihara, poiché oltre 2000 persone si sono suicidate saltando all'interno.

martedì 10 aprile 2018

Cinque insetti commestibili che presto avremo nei nostri piatti

A partire da gennaio 2018 anche in Italia è possibile acquistare e consumare insetti commestibili (ovviamente insetti esclusivamente di allevamento). In quasi tutta Europa è già permesso da anni l’utilizzo degli insetti a scopo alimentare. Che se ne voglia, il futuro del cibo passa proprio dagli insetti, che al contrario della produzione di carne ha un impatto minimo sull'ambiente. Gli insetti sono economici è ricchi di proteine nobili, per molti delle vere prelibatezze per il palato. Quelli più consumati sono i coleotteri (38%), bruchi (18%), api, vespe e formiche (14%), cavallette, locuste e grilli (13%).
La Thailandia è la meta ideale per chi vuole fare le prime esperienze culinarie: larve, millepiedi, formiche rosse, scorpioni e farfalle, sono perfetti per snack salato che dolce. Sono già due miliardi della popolazione mondiale che si ciba abitualmente di insetti.

L’elenco completo degli insetti commestibili

1) Locuste, cavallette e grilli: Questi insetti fanno parte della famiglia degli Ortotteri. Le locuste sono consumate in Africa, le cavallette in tutto il sud del Messico: vengono arrostite e aromatizzate con aglio, succo di lime e sale. I grilli, invece possono essere mangiati fritti, saltati, bolliti o arrosto.

2) Cicale: Vengono consumate praticamente in tutto il Continente Asiatico. È possibile cucinarle: bollite, fritte e mangiate come snack come si farebbe con i gamberetti.

3) Cimici: Probabilmente non avrei il coraggio di assaggiarle: eppure le cimici d’acqua giganti è l’insetto più apprezzato in Asia. In Thailandia l'Hancock è possibile mangiarlo cucinato grazie agli street food. Le cimici vengono fritte è presentate con una salsa piccante o cotte al vapore. In sud America a Taxo viene organizzato un raduno apposito in cui vengono raccolte e mangiate. Il sapore è salato.

4) Vermi: Ci sono molteplici varietà di vermi commestibili al mondo: i vermi bambù si possono mangiare fritti; i millepiedi, invece, sono un street food comune negli Stati Uniti Orientali. Il Mopane viene utilizzato essiccato soprattutto in Sud Africa; il suo sapore ricorda quello dei cereali.

5) Tarantole: Le tarantole appartengono alla famiglia degli aracnidi, e vengono di solito fritte in olio, sale e zucchero e poi venduti come street food in Cambogia. Nel sud America, in Venezuela sono considerate una vera ghiottoneria Per via della loro dimensioni possono arrivare a raggiungere le dimensioni di un piatto piano.

mercoledì 28 marzo 2018

Caro Fabrizio Frizzi



L'inaspettata scomparsa di Fabrizio Frizzi ha destato in me una forte commozione come per milioni di italiani. Neanche i grandi del passato quali suoi maestri, come lo stesso Corrado hanno lasciato così tanto velo di tristezza. La sua gentilezza, l'educazione e specialmente il suo sorriso trasparivano al di là di uno schermo; Fabrizio non portava alcuna maschera, se non quella della cordialità e il pregio di riuscire a far sentire a proprio agio chiunque fosse al suo fianco. Oltre all'artista, l'Italia perde un uomo perbene, una persona che non ho mai sentito fare polemica anche quando fu messo in disparte dalla televisione. Nonostante la malattia l'avesse messo a dura prova, lui continuava a sorridere sempre e comunque, già quel suo sorriso carico di magia che rappresentava il discorso più bello 'amare la vita'. Purtroppo lascia una moglie giovane e una bimba di appena 5 anni, che ha amato più della sua stessa vita. 

Si parla di oltre 10.000 mila persone che hanno voluto dare il loro ultimo saluto a Fabrizio Frizzi nella sala degli Arazzi della sede Rai di viale Mazzini. Un omaggio meritato perché Fabrizio - come ha detto Enrico Brignano ' Era la parte migliore di noi'. Nella sua carriera ultra trentennale Frizzi ha condotto più di 65 programmi tv tra strisce quotidiane e speciali prime time. Come abbiamo detto poc'anzi, rimarrà indelebile la sua risata improvvisa che contagiava ospiti e concorrenti. Nel 2000 ha donato il suo midollo osseo a Valeria, malata di leucemia. Signori si nasce non si diventa. Buon viaggio FF.

Quando ti innamori è come una nevicata, non la puoi fermare". (Fabrizio Frizzi)

lunedì 19 marzo 2018

Otto oggetti maschili inventati dalle donne

Fino a qualche anno fa in tutto l'Occidente per le donne era tutto più complicato, persino registrare un brevetto. Grazie alla loro perseveranza molte inventrici e scienziate sono riuscite ad emergere realizzando scoperte e invenzioni di oggetti che vengono utilizzati prevalentemente dall'universo maschile.

OTTO OGGETTI MASCHILI INVENTATI DALLE DONNE

1) Sega Circolare (1813): L'inventrice è Tabiths Babbitt, una famosa sarta americana che, constatando quanto faticassero i falegnami nel lavorare con la sega a mano, costruì un prototipo di lama circolare collegandolo alla sua ruota per la filatura. Il primo a utilizzarla fu un falegname nella sua falegnameria ad Albany (New York). Purtroppo Babbitt non registrò mai il brevetto, furono due francesi nel 1816.

2) Telescopio Subacqueo (1845): Poche sono le notizie al riguardo di Sarah Matter, inventrice del batiscopio: il telescopio accompagnato da una speciale lampada, con i quali i sottomarini possono scandagliare le profondità del mare. Il brevetto porta il suo nome con il codice US3995

3) Fumogeno per segnalazione marina (1859): I fumogeni hanno rivoluzionato la comunicazione navale nel 1800. La loro inventrice è Martha Coston che colse l'idea dagli appunti del defunto marito. L'ufficio brevetti però, la registrò come semplice amministratrice dell'invenzione dando la paternità allo scomparso consorte

4) Tergicristalli (1903): Molti uomini furono scettici quando Mary Anderson, allevatrice e viticoltore propose loro i primi tergicristalli per i trattori e auto. Ma questi lo reputarono più pericolosi azionarli che guidare sotto la neve e temporali. Nel 1917 fu un'altra donna, Charlotte Bridwood a inventare quelli automatici, idea poi rubata da Cadillac nel 1920 alla scadenza del brevetto è riproposta su ogni automobile.

5) Monopoly (1906): In origine si chiamava Landolord's Game e fu inventato dalla statunitense Lizzie Maggie, per diffondere e illustrare le teorie dell'economista Henry George, che affermava il diritto di ogni persona di appropriarsi di ciò che crea con il proprio lavoro. Nel 1930, Charles Darrow si appropriò del gioco, modificandolo e vendendo i diritti alla Parker Brother per 500$.

6) Vetri invisibili (1935): A inventare i vetri a bassa riflettanza, che ancor oggi si trovano negli occhiali, macchine fotografiche o lenti per i microscopi, fu Khaterine Blodgett, fisica statunitense, una delle menti più eccelse del 1900. Tra l'altro la prima donna a essersi laureata Cambridge e prima scienziata a essere impiegata nei laboratori della General Electric.

7) Prima casa con energia solare (1947): La biofisica ungherese Maria Talkes inventò il primo generatore termoelettrico, in grado di produrre energia e conservarla grazie all'utilizzo di alcuni particolari agenti chimici. Insieme all'architetta Eleanor Raymond costruì la prima casa energicamente sufficiente.

8) Giubbotto antiproiettile (1963): Come tante altre scoperte anche il kevlar, il materiale di cui sono fatti i giubbotti antiproiettile è nato per caso. L'inventrice fu Stephanie Louise Kowlek, chimica americana, mentre era intenta a perfezionare una fibra più resistente per i pneumatici stradali per i battistrada.

mercoledì 14 marzo 2018

5 posti in cui è proibito morire



Sembra davvero bizzarro, eppure ci sono alcuni posti nel mondo in cui è proibito morire, il motivo principale è quasi sempre per la mancanza di spazio e concessioni per un nuovo cimitero. Da nord a sud ecco la lista dei

5 POSTI IN CUI E' PROIBITO MORIRE

1) Longyearbyen, isole Svalbard (Norvegia): A Longyearbyen, il paese più popoloso delle isole Svalbard, da circa 70 anni è vietato tirare le cuoia. Il veto è stato voluto per la bassissima temperatura tipica della località, che impedisce una rapida decomposizione dei cadaveri. Tra il 1917-20 durante una terribile epidemia, le autorità del luogo dopo 13 anni si accorsero che i corpi delle vittime rimasero pressoché intatti e che il vecchio virus, forse non era stato debellato. Ragion per cui si decise di chiudere definitivamente il vecchio cimitero.

2) Sarpourenx (Francia): Anche a Sarpourenx, un pittoresco villaggio nel sud della Francia è vietato morire. L'ordinanza è arrivata dal sindaco nel 2008, dopo che un tribunale francese non gli ha dato il permesso di ampliare il cimitero esistente.

3) Isola di Itsukushima/Miyajima (Giappone): Itsukushima è un'isola giapponese nella quale ci abitano meno di 1800 abitanti. Da più di 150 anni è vietato nascere e morire, poiché secondo la religione shintoista si tratta infatti di un'isola sacra. Le persone anziane e malati devono lasciare l'isola prima del loro ultimo viaggio.

4) Biritiba Mirim (Brasile): Biritiba Mirim è un paese di coltivatori nella periferia di San Paolo, per non rovinare la particolare composizione dei terreni locali, dal 2005 è vietato morire.

5) Lanjarón (Spagna): È proibito morire anche a Lanjarón, un paesino dell'Andalusia di 4 mila anime. L'ordinanza è stata emessa dal sindaco nel 1999, che dopo numerose richieste di realizzare un nuovo cimitero (sempre rifiutate), è arrivato a questa decisione, secondo lui inevitabile.