Privacy Policy Vacanza di Natale 1983: impossibile da stancare Cookie Policy

mercoledì 1 gennaio 2020

Vacanza di Natale 1983: impossibile da stancare

Non so neanche quante volte abbia visto questo film, credo almeno 20 volte, senza contare le scene cult, ormai imparate a memoria. Ed era giusto che il mio primo articolo sui film di Natale- Vacanza di Natale 1983, per molti il primo 'cinepanettone', forse perché proprio da questo film è iniziata la mia passione per i movie natalizi. Credo che sia riduttivo inserire Vacanze di Natale nella lista dei cinepanettoni. la pellicola girato da Carlo Vanzina è una commedia a tutti gli effetti, che ha saputo narrare in chiave ironica l'Italia degli anni 80' dove ancora giravano i soldoni ed era figo trascorrere il Natale a Cortina. Un'Italia democratica che dava possibilità anche a un macellaio come Arturo Marchetti (Mario Brega) di portare la sua famiglia nella rinomata perla delle Dolomiti.

Vacanza di Natale 1983 può vantare  il meglio dei comici anni 80: protagonisti sono Billo interpretato da Jerry Calà, uno squattrinato playman, come lo chiama Oscar, il proprietario dell'albergo e del locale, dove Billo suona al piano bar. Poi c'è Christian De Sica, nel ruolo di Roberto Covelli, figlio dell'avvocato Giovanni Covelli (Riccardo Garrone) e la signora Covelli, (Rossella Como). Roberto è il cocco di mamma, lavora a New York e si presenta nella Reggia d'inverno della famiglia Covelli con la nuova fidanzata Samantha (Karina Huff), che avrà una sorpresa nel finale. Insomma, ci sono storie di vita che si intrecciano, come quella di Mario Marchetti (Claudio Amendola) che si innamora di Samantha la fidanzata di Roberto, a sua volta fratello di Luca, in vacanza a Cortina con la sua famiglia e grande amico di Mario, tifosi entrambi della Roma. I due a fine film avranno uno screzio per colpa di Serenella (Antonella Interlenghi) la fidanzata di Luca, la quale per gelosia gli fa credere che il suo migliore amico, gli ha scritto una lettere d'amore.

Poi ci sono le battute-tormentone di Guido Nicheli, nella parte di Donatone Braghetti, marito di Ivana (Stefania Sandrelli): Ivana fai ballare l’occhio sul tic! Via della Spiga, Hotel Cristallo di Cortina: 2 ore, 54 minuti e 27 secondi… Alboreto is nothing!”). Ma anche quelle di Billo spaccano: Salve sono Cesare Ragazzi un cornuto che si è messo in testa un'idea meravigliosa ... e De Sica non è da meno. Cosa'altro posso dire, qualche giorno prima di Natale è doveroso vederlo ancora un'altra volta, sono sicuro che Vacanza di Natale 1983 riuscirà a strapparvi una risata grazie a delle esilaranti scene e intrecci imprevedibili.


Nessun commento:

Posta un commento