Privacy Policy In inverno meno casi di impetigine Cookie Policy

sabato 28 dicembre 2013

In inverno meno casi di impetigine

Recenti ricerche scientifiche di importanti Università italiane hanno potuto constatare che in inverno vi è una minore diffusione di malattie contagiose se si esclude, naturalmente, il caso dell’influenza e dei sintomi da raffreddamento.  I risultati della statistica su un importante campione di adulti e di bambini hanno messo in evidenza che in estate le malattie infettive (in particolare della pelle) aumentano di circa il 20 %: tra queste possiamo indicare in particolare l’impetigine, una malattia della pelle particolarmente contagiosa che colpisce le persone di tutte le fasce d’età.

Ma a cosa attribuire questa escalation di casistiche di contagio nel periodo estivo e una diminuzione in quello invernale? Tutte le persone avrebbe pensato invece il contrario.
Vediamone le motivazioni: il freddo è causa di raffreddore, influenza e sintomatologia influenzale che varia da persone a persona. Ma il freddo scongiura il moltiplicarsi di batteri, virus e bacilli che sono invece la causa di infezione e di trasmissione di molte altre malattie come, appunto, l’impetigine.

Nel caso dell’impetigine bisogna fare i conti inoltre con la sua particolare contagiosità: in estate ci si veste di meno, si suda di più e con più facilità si entra in contatto con i liquidi biologici (come sudore e saliva) delle altre persone. In più la sabbia del mare sfrega la pelle rendendola sicuramente più levigata ma anche, attraverso delle piccole ferite, più facile da penetrare. I virus dell’impetigine hanno via libera quindi verso il resto del corpo. Un consiglio che ci sentiamo di darvi e di applicare subito dopo il bagno di sole delle creme idratanti e restitutive sulla pelle sia di adulti che di bambini.

Quest’ultimi sono sicuramente più esposti al contagio ma anche gli adulti non ne sono per niente immuni. Attenzione inoltre a non trascurare l’impetigine in quanto vi sono numerose problematiche correlate alla mancata cura e terapia.

Nessun commento:

Posta un commento