mercoledì 14 marzo 2018

5 posti in cui è proibito morire



Sembra davvero bizzarro, eppure ci sono alcuni posti nel mondo in cui è proibito morire, il motivo principale è quasi sempre per la mancanza di spazio e concessioni per un nuovo cimitero. Da nord a sud ecco la lista dei

5 POSTI IN CUI E' PROIBITO MORIRE

1) Longyearbyen, isole Svalbard (Norvegia): A Longyearbyen, il paese più popoloso delle isole Svalbard, da circa 70 anni è vietato tirare le cuoia. Il veto è stato voluto per la bassissima temperatura tipica della località, che impedisce una rapida decomposizione dei cadaveri. Tra il 1917-20 durante una terribile epidemia, le autorità del luogo dopo 13 anni si accorsero che i corpi delle vittime rimasero pressoché intatti e che il vecchio virus, forse non era stato debellato. Ragion per cui si decise di chiudere definitivamente il vecchio cimitero.

2) Sarpourenx (Francia): Anche a Sarpourenx, un pittoresco villaggio nel sud della Francia è vietato morire. L'ordinanza è arrivata dal sindaco nel 2008, dopo che un tribunale francese non gli ha dato il permesso di ampliare il cimitero esistente.

3) Isola di Itsukushima/Miyajima (Giappone): Itsukushima è un'isola giapponese nella quale ci abitano meno di 1800 abitanti. Da più di 150 anni è vietato nascere e morire, poiché secondo la religione shintoista si tratta infatti di un'isola sacra. Le persone anziane e malati devono lasciare l'isola prima del loro ultimo viaggio.

4) Biritiba Mirim (Brasile): Biritiba Mirim è un paese di coltivatori nella periferia di San Paolo, per non rovinare la particolare composizione dei terreni locali, dal 2005 è vietato morire.

5) Lanjarón (Spagna): È proibito morire anche a Lanjarón, un paesino dell'Andalusia di 4 mila anime. L'ordinanza è stata emessa dal sindaco nel 1999, che dopo numerose richieste di realizzare un nuovo cimitero (sempre rifiutate), è arrivato a questa decisione, secondo lui inevitabile.

3 commenti:

  1. Excellent website. Plenty of useful information here.
    I am sending it to several pals ans also sharing in delicious.
    And obviously, thank you for your effort!

    RispondiElimina
  2. I'm gone to inform my little brother, that he
    should also visit this web site on regular basis to get updated from most up-to-date reports.

    RispondiElimina
  3. Wow! In the end I got a blog from where I can in fact get useful data regarding
    my study and knowledge.

    RispondiElimina