mercoledì 5 ottobre 2016

Chiese sempre più vuote e processioni fantasma



Pensavo che si trattasse di qualche caso sporadico, invece una tendenza che si fa sempre più allarmante, a cosa mi sto rivolgendo? Parlo delle chiese con sempre meno persone e processioni fantasma. Quali sono le ragioni a indurre una persona ad essere così fredda verso la religione cristiana? Forse i numerosi scandali di preti coinvolti in casi di prostituzione e minori, oppure vedere alcuni sacerdoti predicare la povertà e l'accoglienza, ma loro poi in prima persona vivono da nababbi, hanno possedimenti e le porte le mantengono ben sigillate di notte e in altre ore per i pellegrini. Insomma, tutto questo potrebbe essere sufficiente per spiegare il totale menefreghismo verso la religione.

Eppure è stato abbastanza malinconico vedere la statua della Madonna con pochi fedeli al seguito in processione, stessa cosa alcuni mesi dopo con la statua di un santo. Tutto ciò merita perlomeno un momento di riflessione: l'uomo dell'era digitale e quello occidentale non hanno bisogno di Dio, anzi in troppi cercano di gettare fango e boicottare la religione cristiana, sono quei nazi -finti buonisti  e pseudo intellettuali che godono nel vedere i crocefissi tolti dai muri della scuola, magari di cancellare per sempre il Natale dal nostro calendario. Siamo quindi di fronte a un vero attacco globale e mediatico contro la religione cristiana, posso comprendere che per secoli abbiamo avuto una chiesa corrotta, ma nel mezzo ci sono stati dei grandi uomini come San Francesco, Padre Pio, ma potrei citarne a centinaia. Quindi non facciamo di tutta un'erba un fascio, ma sopratutto non diamo la colpa a Dio se  all'interno della chiesa ci sono delle mele marce.


Ovviamente ognuno è libero di credere o essere ateo o professare qualsiasi altra religione, il discorso è semplice e lineare: ai giorni d'oggi c'è poco rispetto verso la religione cattolica, una religione bistrattata e sottomessa da altre fedi. In paesi come l'Africa, sapiatelo c'è una vera persecuzione contro i cristiani, ma questo non fa notizia, è più interessante protestare se a scuola alcune maestre preparano assieme ai bambini dei canti natalizi perché potrebbero offendere la sensibilità di altri alunni, ma sopratutto quella delle mamme, poiché ricordatelo bene, il vero problema non sono i bambini ma i grandi; da che mondo il Natale è sempre stata la festa dei bambini!


Ma per molti non è political correty. Come se non bastasse, negli ultimi tempi vedo questo Papa abbastanza distaccato e molto accondiscendete su personaggi contro il cristianesimo. Insomma a prescindere se Dio esiste o meno, perché l'odiate così tanto al punto da desiderare e preferire che religioni tipo l'Islam possano abissare per sempre il cristianesimo nella stessa Italia? Qua non si tratta neanche di credere, si tratta di stessi italiani che vorrebbero cancellare la nostra storia.

2 commenti:

  1. Mi sembra abbastanza semplice.
    Se uno crede deve anche essere convinto che a Dio la chiesa va bene così com'è, se uno non crede non sopporta che la chiesa si metta in mezzo e cerchi comunque di condizionargli la vita, oltre che di mettergli le mani in tasca.
    E' chiaro che aumenta il numero di chi non crede, ma non perché è un depravato che vuole vivere senza morale, ma perché, banalmente, si rende conto che il discorso di Dio, da qualunque parte lo si prenda, non sta in piedi !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le nuove generazione sembrano non aver bisogno di Dio

      Elimina