giovedì 13 ottobre 2016

Allattare in pubblico è un gesto naturale o da esibizionista?

Allattare il proprio figlio è un connubio indissolubile tra la mamma e il bambino, un gesto primordiale, eppure per qualcuno è considerato solamente un modo per apparire voluto da una persona esibizionista. Basti, pensare allo stesso Facebook e alla quantità di foto rimosse dallo staff perché ritenute offensive e a contenuto erotico. Ma potrei citarvi tantissimi altri esempi, tipo la vicenda di una mamma di Imperia che è stata cacciata dal padrone di un locale perché rea di avere il seno fuori allattando suo figlio.


Siamo di fronte a una questione che ha dei pareri contrastanti: una parte delle persone sostiene che allattare è una cosa naturale, non c'è nessuna malizia e non deve scandalizzare. Dall'altra, invece, c'è chi è convinto che l'allattamento in pubblico è di cattivo gusto, anzi anche di più. Purtroppo non c'è una via di mezzo. Nel merito cosa dice la legge? Nel nostro paese (purtroppo) non esiste una legge, né pro né contro. La decisione spetta unicamente alla persona interessata, convinta che allattare in pubblico non possa turbare la sensibilità di qualche soggetto. Ovviamente, a questo punto, si potrebbe fare benissimo il paragone con il topless al mare, credo che in questo caso è un atto meno naturale dell'allattamento, ma allo stesso tempo trovo anche il topless una cosa priva di immoralità. 


Allattare in pubblico: petizione nel web

È appena uscita una petizione che chiede una legge che possa garantire alle madri il diritto di allattare in pubblico. Allattare senza censure, in ogni luogo pubblico o privato. Nessuna privazione quindi ne al bar o in ristorante. Per attuare la proposta di legge c'è bisogno di raggiungere 50.000 firme. Tu cosa né pensi in merito?

Nessun commento:

Posta un commento