giovedì 8 settembre 2016

Io prima di te: 5 pro e 3 contro sull'eutanasia



L'eutanasia è da sempre un tema scottante e delicato che spacca in due l'opinione pubblica. Perché sto affrontando questo argomento? Perché ieri ho guardato un bel film intitolato Io prima di te (Me Before You). Inizialmente non avevo capito che il tema principale poteva essere l'eutanasia. Ad ogni modo, non sono qua per fare la recensione del film, posso solo dire che la trama è un mix azzeccato di romanticismo e dramma, tenerezza e punto di non ritorno da parte del ragazzo costretto in sedia rotelle a causa di un grave incidente. 

Ma torniamo al nostro tema principale: si definisce eutanasia una morte voluta dei malati terminali o cronici in assistenza perenne di medici, o semplicemente la si definisce come buona morte. L'atleta Marieke protagonista di due medaglie alle Paralimpiadi a Londra ha deciso che chiederà ai medici di applicare i documenti  già firmati quando sarà il momento; lei, un esempio di voglia di non arrendersi, ma cosciente di non voler finire il resto dei suoi giorni come un vegetale. Secondo voi l'eutanasia è una condanna voluta o una salvezza dal proprio dolore terreno? L'articolo 32 della costituzione italiana in merito, ci indica che la Repubblica Italiana tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, garantendo cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge comunque non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

5 pro e 3 contro sull'eutanasia

PRO:

  1. Le persone a favore sostengono che l'eutanasia è un modo di tutelare la libertà umana, e dignità del malato;
  2. Al cospetto di malattie e patologie che rendono la vita di alcune persone un vero supplizio, chi decide di porre fine alle proprie sofferenze deve essere rispettato;
  3. Una vita tenuta in modo artificioso, l'eutanasia è vista come un modo per dire che il malato è arrivato alla fine del proprio ciclo naturale;
  4. Fin quando la propria mente è vigile e il malato è cosciente, ognuno ha il diritto di decidere sul proprio destino;
  5. La vita è gioia non dolore, a un certo punto quando questo diventa insopportabile, l'eutanasia sembra davvero l'unica via d'uscita. 
Contro:
  1. Lascia che sia il destino e il ciclo naturale a dire basta;
  2. Molti definiscono l'eutanasia come l'inganno a questa vita;
  3. Chi decide di incorrere all'eutanasia viene visto come un 'debole ed egoista' verso i propri affetti.
Ma se fossi tu al posto di quella persona, allettato, immobilizzato in tutto il corpo, capace di muovere solo le palpebre degli occhi e vorresti porre termine alle tue sofferenze, ti definiresti ancora un'egoista?.

4 commenti: