lunedì 22 febbraio 2016

Cadenza regionale: quel limite che ti può condizionare




Nel contesto di certi ambienti, la cadenza regionale alla lunga potrebbe essere un fattore di condizionamento. Spesso trovo delle difficoltà nel parlare specialmente nel contesto di un video, perché riascoltando la registrazione sento oggettivamente troppa accentazione e cantilena che spesso può diventare davvero fastidiosa. L'Italia come sappiamo è il paese dei tanti dialetti e diversità di pronuncia che si differenziano addirittura nel raggio di pochi chilometri di città che appartengono alla stessa provincia. Ma quanto desideri cimentarti in una registrazione audio e visiva, quindi caricarlo su You Tube e avere la speranza che il tuo clip venga visto da nord a sud, sinceramente trovo penalizzante che lo youtuber possa capire già dalle prime parole da dove provieni. Ovviamente, il mio non è un discorso ' mi vergogno' di essere..., personalmente  sono fiero delle mie origini ed essere nato in Sardegna e della grande storia del regno d'Arborea e quella millenaria sarda, ma mi rendo conto della mia imperfezione dialettale.


Cadenza regionale: un problema di tanti italiani




Chi più chi meno, tanti italiani hanno la loro cadenza regionale, ma alcune risultano meno fastidiose di altre. Proprio l'altro giorno ho caricato un video su You Tube dal titolo Il selfie che ha ucciso il delfino, quando ho riguardato il video prima di postarlo online, inevitabilmente ho dovuto tagliare alcune parti accorgendomi io stesso della modulazione e accentazione tipica della mia regione, quindi del fatto di marcare eccessivamente le doppie, tipico di noi sardi. Perciò, pazientemente ho provato a rifare il video e lasciare la parte con meno cadenza. Purtroppo tutto ciò ha influito negativamente sulla mia performance ed espressività, al punto che il mio parlare è quasi sotto voce: un vlog come sappiamo deve avere una voce chiara e squillante, mai essere sulla difensiva, e sopratutto l'oratore non deve avere una voce a cantilena, in poche parole, dimostrare di essere italiano punto e basta. Ovviamente, se invece stai puntando ad avere un blog comico, allora il discorso cambia la cadenza ci può anche stare, ma anche in quel caso non tutti gli accenti dialettali avranno lo stesso impatto. Personalmente i più divertenti e meno fastidiosi in caso di comicità dal mio punto di vista sono i napoletani, romani e toscani.

Anche all'estero esistono le diversità d'accentuazione 


Nelle mia permanenza in terra d'Inghilterra, gli stessi inglesi mi parlavano della differenza dialettale e diversità d'accentuazione tra le vari regioni, per esempio al sud dell'Inghilterra, la lingua parlata è quello tipica, per intenderci in stile  sua maestà la regina Elisabetta. Bellissimo l'inglese in regioni come Kent e Sussex, mentre invece, salendo nella penisola l'accento diventa sempre più duro. L'esempio lampante è quello della città di Middlesbrough, situata al nord orientale dell'Inghilterra, Middlesbrough e zone limitrofe sono famose per possedere un forte accento, tanto che un nativo del sud potrebbe riconoscere la loro parlata da un miglio di distanza. Per rendere l'idea, prova a guardarti questo video: James Arthur's audition - Tulisa's Young dove il concorrente è proprio di Middlesbrough e sentirai il suo parlare, io personalmente ho capito poche parole. Così via, anche a Liverpool e Manchester, il ritmo e l'accentuazione e slang sono molto marcati. Poi ancora più a nord, in Scozia siamo di fronte a un modo ancora più duro di parlare inglese oppure in Irlanda. A proposito d'Irlanda, una sera mentre guardavo la TV affianco a me c'era una ragazza inglese nativa del Kent che ascoltando l'intervista di questo soldato irlandese mi chiese di tradurle cosa stava dicendo perché lei non aveva capito quasi nulla. Questo dimostra, se ancora c'erano dei dubbi di come la lingua cambia dovunque tu vada: Inghilterra, Italia, Francia. Proprio in Francia uscì un film comico Giù al Nord dove si notavano delle abissali differenze tra il parlare di un parigino e il colorato francese di Bergues, città al Nord -Passo di Calais.

Gli Youtuber con meno cadenza
Tra i tanti You Tuber che seguo ce ne sono due in particolare che ammiro per la loro capacità di non avere nessun tipo di accento: Yo Tobi e Milleaccendini. Ovviamente, ne potrei citare anche qualche altro. Concludendo, ribadisco che questo discorso è stato fatto non per una sorta di 'vergogna' delle proprie origini, al contrario, perché allora avrei potuto intitolare questo blog con un altro nome, e non mettere nessun tag di riferimento alla mia regione. Il mio discorso nasce con la voglia di non avere nessuna cadenza, in quanto l'italiano è una lingua bellissima e vorrei utilizzarla al meglio per fare qualche video; poiché un conto è parlare il sardo, vera è propria 'lingua',  un conto è storpiarla con inutili gang in stile Ajo.

Nessun commento:

Posta un commento