lunedì 28 dicembre 2015

Anno bisestile 2016: prevista la fine dell'Europa


Dopo quattro anni torna l'anno bisestile e in concomitanza con il giorno aggiuntivo nel mese di febbraio, ecco puntuali arrivare le solite previsioni di presunti maghi e sensitivi. 'L'Isis attaccherà Roma esattamente il 23 marzo del 2016', ha rivelarlo Pedro Règis, un contadino brasiliano che afferma di ricevere direttamente dei messaggi da parte della Madonna. Non da meno, le previsioni di una certa Baba Vanga, mistica e chiaroveggente dei Balcani famosa per aver predetto l'attacco alle Torri Gemelli. La Nostradamus bulgara afferma che ci sarà una guerra che porterà alla fine dell'Europa, ancora, il 44 esimo presidente afro -americano sarebbe l'ultimo presidente degli Usa.


Dicerie e leggende sugli anni bisestili: 2016 fine dell'Europa

Ad ogni modo sarebbe meglio non spararle troppo grosse, ricordate il 2012: quello fu l'ultimo anno bisestile dove si preannunciava la possibilità della fine del mondo in base al calendario Maya, ma la mattina del 1° gennaio e la notte dell'ultimo dell'anno nessuna meteora si schiantò sulla terra. Dal rovescio della medaglia, la saggezza popolare ci insegna che nell'anno bisestile è meglio non prendere nessuna iniziativa, quindi una persona dovrebbe stare immobile. Un detto popolare dice: 'Anno bisesto né baco né mogli né innesto'. Praticamente di avere una cura maniacale quando innestiamo piante e badiamo agli allevamenti da bachi da seta, nonché lasciare spazio alla propria moglie.


I tragici episodi bisesti

Per la cabala ovviamente sono accaduti anche tragici avvenimenti negli ultimi anni bisestili: nel 1908 il terremoto di Messina, nel 1976 quello del Friuli e 2004 lo tsunami che travolse Haiti. Eppure le sciagure sono talmente tante che è difficile pensare che accadano soltanto quando l'anno conta 366 giorni! Ma tra le tutte date importanti, proprio il 29 febbraio 2016 in Italia verrà celebrata La Giornata delle Malattie Rare, quella si che è un data da non dimenticare!

Nessun commento:

Posta un commento