sabato 14 novembre 2015

10 artisti che non hanno voluto aderire a Spotify





Nell'era di Spotify e della musica virtuale in cui il cd fisico sembra avere un piede nella fossa, ci sono ancora degli artisti che preferiscono vendere la propria musica in maniera tradizionale o almeno non utilizzando il servizio di streaming on demand musicale.Nato nel 2006, solo negli ultimi anni Spotify è esploso. Ma perché (ci chiediamo) delle band o artisti preferiscono stare fuori dal nuovo che avanza? Per alcuni è una questione puramente tecnica: il suono all'interno della piattaforma è cupo, io, invece, credo, che il vero problema è sempre lo stesso i soldi. È noto come il portale paga in maniera non equa in base alla notorietà dell'artista o gruppo musicale.

10 artisti che non hanno voluto aderire a Spotify

1 -  Prince - Pochi mesi fa Prince ha deciso di togliere la sua musica da Spotify e ogni altro servizio in streaming, eccetto Tidal. Il team del portale ha così risposto ' L'artista Prince ha richiesto di rimuovere tutte le canzoni dal catalogo. Abbiamo cooperato con la richiesta, nella speranza di poter riascoltare sua musica nel nostro catalogo al più presto possibile' .

2 - The Beatles - Gli scarafaggi o chi per loro ha lasciato la musica on demand solo su iTunes.

3 - Taylor Swift- Nel 2014, Taylor Swift ha tolto le sue canzoni da Spotify con una nota da tipica artista costruita a tavolino 'La musica è arte, e l'arte è una cosa rara, le cose di valore devono essere pagate. La musica non dovrebbe essere libera'.  (Ma torna negli anni 80' anche se sei nata un decennio più tardi).

4 -  Neil Young -  Secondo Nei Young la musica perde della sua consistenza caricata in una piattaforma, per questo ha preferito rimane al vinile.

5 - Pink Flyod  -  Gli attuali membre dei Pink Flyod hanno voluto dire la loro riguardo Spotify, Pandora e altri servizi in streaming. 'Questi servizi dovrebbero pagare gli artisti e il loro lavoro, è una questione di sopravvivenza economica'.

6-  Coldplay - Nel 2014 i Coldplay rifiutarono di rilasciare il loro Ghost Stories su Spotif. Una decisione vincente, poiché hanno raggiunto la prima posizione nella classifica di Billboard.

7 - The Black Keys - Il batterista Patrick Karney è stato abbastanza chiaro al riguardo' Il proprietario di Spotify ha guadagnato qualcosa come 3 miliardi di dollari ed è più ricco di Paul Mc Cartney e non ha mai scritto una canzone'.

8 -  Tool -  La musica dei Tool non è disponibile in nessuna piattaforma musicale.

9 -  Beck Hansen - 'Quello che Spotify mi versa, non mi basta neanche per pagare i musicisti che suonano con me o le persone che lavorano ai miei dischi. C'è qualcosa che non quadra'.

10 - Tom Yorke - Il frontman dei Radiohead nel 2013 lasciò una dichiarazione al riguardo delle piattaforma. 'L'industria musicale sta finendo di morire con Spotify'.

Oltre a questi 10 artisti ce ne sono altri che non hanno accettato di far caricare la loro musica su Spotify. La lista completa puoi trovarla a questo link: 24 Musicians Against Spotify & Other Streaming Services


foto - creative commons

Nessun commento:

Posta un commento