mercoledì 8 luglio 2015

Cosa scelgono gli italiani per le loro vacanze?


La stagione estiva è appena cominciata anche se non tutti hanno ancora salutato il datore di lavoro per partire in vacanza con la famiglia. Il mese di agosto è notoriamente quello nel quale si condensa la maggior parte del turismo in Italia, anche se sono in tanti a preferire il mese di luglio o addirittura settembre. Una cosa però è certa: rispetto agli anni passati il turismo è in netta ripresa, specialmente quello oltre i confini nazionali. E' ancora presto per dire che si tratti di un segnale di ripresa economica, anche se i dati convergono verso questa direzione e fanno ben sperare per il futuro.

Secondo le stime di Bankitalia, la bilancia dei pagamenti turistici, ovvero la spesa che effettuano i turisti italiani rispetto a quella degli stranieri in Italia, è positiva. Un attivo di 12,7 miliardi che da nuova linfa al mercato del turismo, anch'esso afflitto dalla crisi degli anni appena trascorsi. Gli italiani hanno come mete preferite i paesi dell'Unione Europea, grazie ovviamente alle tariffe agevolate che vengono proposte dalle compagnie low-cost, consentendo quindi di potersi spostare senza spendere cifre importanti. Per contro lo scorso anno sono arrivati in Italia ben 51 milioni di turisti, siano essi viaggiatori d'affari o semplici visitatori, provenienti principalmente da Francia, Germania e Svizzera.
Il trend del momento per i viaggi è quello dell'eco-sostenibilità, infatti il 2015 può essere ribattezzato a tutti gli effetti l'anno delle vacanze green. Secondo le stime un italiano su tre avrebbe dichiarato di voler prestare più attenzione all'ambiente durante il proprio viaggio. A cominciare dalla verifica dello spegnimento delle luci e dell'aria condizionata, all'acquisto di prodotti a chilometro zero e all'adesione al programma di riutilizzo biancheria e asciugamani.

La fonte principale per reperire tutte le informazioni del caso rimane di gran lunga la rete. Su internet infatti vengono programmati la maggior parte dei viaggi, senza considerare che in alcuni casi è possibile usufruire di offerte speciali presenti sui portali specializzati, acquistando la propria vacanza tramite un codice sconto groupalia, attualmente tra i più diffusi in circolazione. Il turismo green inoltre si sposa benissimo con quello eno-gastronomico, che interessa principalmente regioni come la Sicilia, la Sardegna, il Trentino Alto Adige e alcune aree del centro Italia.

Ad interessarsi delle mete preferite dagli italiani non poteva mancare il prezioso contributo della storica fiera del turismo milanese, la BIT, che quest'anno ha dato spazio ad una ricerca sui mercati 'outgoing', condotta da Mercury Srl-Turistica con la supervisione di Emilio Becheri e Italia Nuccio. A spiegare la missione della ricerca ci ha pensato però Cristina Tasselli, exibition-manager della BIT: "La ricerca è stata realizzata nell’ambito dell’iniziativa “Think with Bit” - ha esordito la Tasselli - creata per il riposizionamento e il nuovo concept di Fiera, volto alla condivisione del grande patrimonio di know-how, per dimostrare la nostra vicinanza durante tutto l’anno agli operatori del settore e accompagnarli nello sviluppo della loro attività sui mercati dove già operano e per conquistarne di nuovi. La seconda parte della ricerca sarà presentata al Congresso Annuale del Turismo che si svolgerà il prossimo 13 febbraio durante la Bit".

A margine della presentazione lo stesso Emilio Becheri, ha precisato che per la ricerca sono stati utilizzati dati reali fino al 2013 "quando disponibili, e alcune stime relative al 2014, forniti da Unwto, da uffici governativi dei Paesi interessati, da Istat e da altre fonti. Lo scopo è dare informazioni e spunti agli operatori del settore e a chiunque abbia interesse allo sviluppo dell’industria turistica". I risultati hanno mostrato che "circa il 60% dei 60,2 milioni di italiani residenti viaggia per affari, vacanze e motivi familiari. Sono aumentati i viaggi all’estero, dove si nota uno spostamento da occidente a oriente, molti sono brevi, come short break, e differenziati nel tempo grazie anche alle numerose possibilità offerte dalle low cost " ha concluso Becheri


2 commenti:

  1. A me piacerebbe andare in Romania, ci sono luoghi strepitosi e so che l'accoglienza turistica è fantastica (e costa poco)... sarebbe bello verificare di persona :-)

    RispondiElimina