venerdì 6 marzo 2015

Come vendere un immobile o casa a un cinese: 5 curiosità da sapere


Il mercato degli immobili sembra avere un leggero miglioramento dopo alcuni anni di crollo assoluto. Così un po per curiosità ho digitato su Google questa frase: Come vendere casa a un cinese. Ho trovato degli articoli interessanti che voglio riassumere in questo post. Come sappiamo la popolazione cinese è presente in modo consistente nel nostro paese: negozi di abbigliamento, ristoranti, parrucchieri e chi più ne ha più ne metta. Quindi per chi ha una casa da affittare o meglio da vendere, perché non rivolgere la propria offerta ai cinesi che sono dei grandi investitori. In particolare il sito idealista ci indica 5 strade su come vendere un immobile a un cinese

1) Mai vendere una casa con il numero 4 - I cinesi sono una popolazione di scaramantici, il numero 4 nella loro cultura è associata alla morte. Quindi mai vendere una casa con il numero 4 o un appartamento al 4° piano.

2) Deve esserci il numero 8 - Al contrario del 4, il numero 8 per un cinese è sinonimo di ricchezza, perciò meglio se la vostra casa ha l'8 come numero. Ma ancora meglio se questo numero è presente nel prezzo: € 800000.

3) Appartamento o casa esposta al sud, come il palazzo dell'imperatore - I cinesi hanno una vera predilezione per le case esposte a sud. Tutto ciò nasce dal '' feng shui'' una tradizione che affonda le sue radici nella Cina imperiale. I cancelli del palazzo dell'imperatore venivano costruiti verso sud: direzione che ritenevano fortunata.

4) Niente piani bassi - Qua non sono d'accordo ho visto molte case affittate ai cinesi anche al piano terra. Comunque sembrerebbe che i cinesi amano vivere in palazzi con molti piani come in Cina dove ci sono tantissimi grattacieli.   

5) Niente facciate verdi -  I colori nella Cina dell'imperatore rappresentavano la tua posizione sociale! Il verde era associato agli infedeli, mentre invece il colore rosso è molto amato dagli amici mandarino, che simboleggia: fortuna, felicità e ricchezza.
 

Nessun commento:

Posta un commento