sabato 19 luglio 2014

Temptation Island: quando la TV conosce il punto più basso della sua storia

Temptation Island: televisione spazzatura
È il programma cult  di questa stagione estiva: Temptation Island, che io da ateo di reality show credevo che fosse una serie TV, tipo Sopravvissuti. Invece no è il solito cliché di 10 bellocci e 10 ragazze, tra cui 5 coppie di fidanzati tentati da avvenenti ragazze single e ragazzi in stile tronista di Maria de Filippi, ' vero dimenticavo è lei l'artefice dell'ennesimo punto più basso della storia della TV''.

Ad ogni modo alla faccia mia e di quelli che non amano questo genere di trasmissioni: ha catturato il pubblico televisivo, con oltre 3 milioni di spettatori a puntata. Ma una domanda nasce spontanea possibile che non c'è niente di fasullo, tipo che i partecipanti non recitano una parte? Perché da quel poco che ho visto per la prima volta l'altro giorno, tutti quanti mi sembravano impostati, non percepivo nulla di naturale e sincero.

Il gioco cattura sul concetto di fedeltà che si differenzia tra l'uomo e la donna, per questo il programma piace: quando uno tradisce o si fa tentare da un altro. La fedeltà è da sempre un mito perché secondo un proverbio l'uomo è un cacciatore, eppure negli ultimi tempi sembra che la donna  ha il potere di decidere una relazione. Ma si dice pure chi ama deve essere capace di perdonare, scommettiamo che succederà anche tra i concorrenti di Temptation Island ?

Giovedì prossimo ci sarà l'epilogo, non ho capito se esiste  un premio in denaro per la coppia che non scoppia. L'isola delle tentazioni  è stata un ottima vetrina per i baldi giovani e ragazze per niente intimorite di apparire in TV. Ma le cose cambiano ... speriamo che arrivi uno tsunami sull'isola,  scherzo.  

Nessun commento:

Posta un commento