lunedì 23 giugno 2014

Come scegliere il mutuo on line adatto

 "Image courtesy of Ambro / FreeDigitalPhotos.net"
La scelta del mutuo più conveniente pone diversi interrogativi nei confronti di coloro che si accingono ad accenderlo. Sono infatti tanti i dubbi da fugare e le incertezze da chiarire per poter giungere ad una scelta definitiva e ben ponderata. Il web può essere un utile strumento per poter avviare una iniziale fase di ricerca che consente di avere una panoramica sulle diverse offerte presenti sul mercato. Negli ultimi tempi si è registrato un massiccio ricorso ai mutui on line gestiti da istituti finanziari oppure da mediatori creditizi che operano per conto della banca. Effettivamente, l'offerta di mutui on line è molto vasta. Rispetto al mutuo tradizionale, la pratica di mutuo on line è richiesta, avviata e gestita direttamente in rete. Vi è, infatti, la possibilità di accedere al mutuo comodamente dal proprio home banking in quanto oramai tutti gli istituti di credito ne sono muniti.

Il mutuo on line presenta caratteristiche intrinseche similari ai mutui tradizionali: richiesta dell'iscrizione dell'ipoteca quale garanzia sull'immobile nel caso di acquisto di un'abitazione, surroga del mutuo, scelta tra tasso fisso o variabile, durata oscillante tra i cinque e i trent'anni. La scelta di un mutuo on line presenta però degli indiscussi vantaggi sul piano dei costi: le banche proponenti abbattono infatti il costo degli intermediari fisici proponendo così delle condizioni più vantaggiose. Inoltre, l'intercessione dei portali di mutui on line per il disbrigo dei una pratica di mutuo evita il rischio che le informazioni personali del cliente siano disperse in quanto la raccolta dei documenti e delle informazioni viene canalizzata in maniera diretta verso la banca interessata.

I siti riguardanti i mutui on line concedono solitamente un preventivo gratuito sulla tipologia di mutuo che si intende contrarre, simulandone il calcolo della rata, distinta in quota capitale e quota interessi, nella più assoluta trasparenza. Tramite internet si ottiene un risparmio nelle spese accessorie ed uno snellimento delle pratiche. Per poter valutare il finanziamento più adatto alle proprie esigenze occorre considerare alcuni parametri tra cui lo spread, ovvero il costo effettivo che l'istituto di credito chiede al mutuatario per la sua concessione. Tale indice va a sommarsi al tasso di interesse del finanziamento definendo, così, il costo totale del mutuo. Minore sarà lo spread applicato, minori saranno gli interessi da pagare sul mutuo. Oltre al valore della rata è importante considerare il costo globale del mutuo inglobando gli oneri accessori come le spese di perizia e d'istruttoria. Tale indice, chiamato
Taeg (Tasso Annuo Effettivo Globale) consente di avere una visione sull'ammontare complessivo del mutuo rendendo possibile un paragone con altre soluzioni. Per operare una scelta oculata è consigliabile prestare molta attenzione ai prodotti misti che a volte non convengono. Nell'incertezza della scelta tra tasso fisso e tasso variabile, infatti, si opta spesso per soluzioni intermedie che implicano costi aggiuntivi di copertura (ad esempio: tasso variabile con una soglia massima oltre cui il tasso non può salire oppure tasso misto che permette di variare ciclicamente il tasso d'interesse). Appare utile, in ultimo, informarsi sul possesso di requisiti che consentono di ottenere agevolazioni fiscali come nel caso dell'acquisto dell'abitazione principale o della ristrutturazione edilizia.




Nessun commento:

Posta un commento