giovedì 6 febbraio 2014

Perché scegliere il riscaldamento a pavimento?

Nella scelta dell’impianto di riscaldamento per la nostra abitazione è opportuno valutare quale sia il tipo di sistema migliore per le nostre esigenze.
Siamo abituati a pensare che il riscaldamento sia rappresentato solo dal classico camino a legna o dai termosifoni, ingombranti e produttori di polveri, ma, in realtà, c’è un nuovo modo per riscaldare il nostro ambiente domestico: stiamo parlando del riscaldamento a pavimento.

Sebbene il riscaldamento a pavimento sia stato utilizzato in passato per poi essere abbandonato, esso rappresenta un modo perfetto per riscaldare la nostra casa.
Ma perché scegliere questo tipo di riscaldamento piuttosto che un altro?
Partiamo col dire che il riscaldamento a pavimento presenta numerosi vantaggi, anche se molti sono restii ad adottarlo a causa dell’elevato costo che bisogna sopportare all’inizio, ma che comunque verrà ammortizzato con il passare degli anni.

Un riscaldamento a pavimento è vantaggioso perché, innanzitutto, permette di avere più spazio a disposizione all’interno del proprio ambiente domestico: questo avviene perché l’intero impianto, costituito da tubazioni, pannelli, collettori, è nascosto al di sotto del pavimento. In questo modo, non si avranno termosifoni di mezzo che tolgono spazio all’arredamento.
Inoltre, il riscaldamento a pavimento è in grado di offrire una più equa distribuzione del calore: ciò si verifica perché il riscaldamento è distribuito sull’intera area del pavimento, donando così un calore ai piedi e una temperatura fresca alla testa, situazione ideale per il benessere dell’essere umano.

L’assenza di termosifoni fa sì che non si sollevino polveri che possono causare allergie e inoltre la presenza di un ambiente riscaldato in modo uniforme fa sì che vengano eliminati totalmente gli acari e le muffe che si creano in ambienti con forti differenze di temperature e umidità.
E’ opportuno ricordare che il riscaldamento a pavimento, sebbene comporti un costo iniziale elevato, permette di ammortizzare il tutto nel corso del tempo, facendo registrare anche un risparmio non solo a livello energetico (perché l’impianto funziona a temperature più basse), ma anche economico.

Infine, la presenza di un riscaldamento a pavimento può ritornare utile anche durante l’estate: infatti, il sistema può funzionare anche come impianto di raffrescamento facendo passare nelle tubazioni acqua più fresca che dona sollievo e freschezza d’estate.

2 commenti:

  1. molti che l'avevano messo l'hanno tolto...ci vuole molte tempo per riscaldare casa sopratutto se si mettono piastrelle in gres porcellanato. (90% dei casi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che dipenda molto anche dalla disposizione della case, poi certo le piastrelle hanno un ruolo fondamentale

      Elimina