lunedì 18 novembre 2013

La Sardegna non è mai da prima pagina nei TG nazionali

In Sardegna può scoppiare anche la terza guerra mondiale che non avrà mai spazio in un TG nazionale. Per la cronaca, oggi sulla mia regione si è abbattuto per via del ciclone Cleopatra un nubifragio, mettendo  in ginocchio praticamente tutta l'isola, in particolare la mia provincia Oristano.

È stato un pomeriggio che aveva i colori da fine del mondo,  lampi  che illuminavo a giorno la casa, mentre dal cielo una vera bomba d'acqua allagava ogni cosa. Su Facebook è possibile vedere dei video per capire quali danni ci siano in tutta la Sardegna. Eppure il Tg nazionale non ha ritenuto importante se una regione italiana, è in piena emergenza, alla mamma Rai che anche noi sardi paghiamo il canone non interessa se 40 persone dovranno dormire in una palestra, perché le loro case sono state allagate.

Al telegiornale delle 20:00 sul primo canale poco importa se  i treni non hanno potuto viaggiare perché alcune stazioni inagibili, e l'autostrada un fiume in piena. Sono sicuro se fosse successo in qualsiasi altra regione, ecco i  titoloni da prima pagina, e subito da Roma pronti a muoversi.  Ditemi come mai la Sardegna è da sempre ritenuta come l'ultimo vagone del carro della nazione.

Non si capisce, o forse facciamo finta perché i non sardi  con noi possono fare tutto, e noi invece stare nell'ombra. Non si tratta di vittimismo ma di una semplice constatazione. Ma allora sarebbe opportuno non pagare più le tasse all'Italia, perché qua i servizi non arrivano.

Siamo un'isola e nello stesso tempo isolati da voi continentali come dicevano i miei nonni. Perché in fondo è vero, la penisola è un altro continente per noi sardi,  non c'è tanta differenza tra l'estero e lo stivale. In un articolo un sardo scrisse la Sardegna è una stronza, perché amareggiato di partire, ma è come sputare nel piatto dove  mangi. Io direi  se la ''Sardegna è uno stronza gli altri cosa sono allora?

3 commenti:

  1. No comment...al tg parlano di cose futili e demenziali e non comunicano un fatto importante come quello di ieri?!? Che dire...se non fosse stato per Facebook e il web non lo avrei mai saputo ed é vergognosa la cosa!

    RispondiElimina
  2. Oggi è impossibile che non né parlano ci sono già 16 vittime

    RispondiElimina
  3. Buongiorno!

    Ti contatto tramite commento perché non ho trovato nessun altro modo per farlo.
    Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. Ho scoperto il tuo blog attraverso Twitter, da cui ti followo con il profilo @Paperblog_it.  I tuoi articoli mi sembrano adatti a figurare tra le pagine del nostro magazine e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti,

    Silvia

    RispondiElimina