martedì 5 novembre 2013

1500 opere fregate dai Nazisti

Ogni dittatore che si rispetti ha sempre trafugato opere da ogni parte del mondo. Qualche giorno fa a Monaco di Baviera ecco una scoperta sensazionale 1500 opere di valore inestimabile. Un tesoro che si credeva scomparso dopo i bombardamenti  dei russi e anglo - americani fatti ai danni della Germania. Ma le meraviglie dell'arte sono riuscite  a rimanere indenni alla cattiveria dell'uomo.

Le opere sono state trovate in una cantina di un vecchia casa lasciati in balia del tempo per oltre 60 anni. Tra i vari dipinti i maestri dell'Impressionismo di fine ottocento e inizio novecento. I nazisti confiscarono queste opere perché secondo loro '' arte degenerata''  Il Terzo Reich ha voluto intenzionalmente nascondere quadri di pittori come: Picasso, Matisse, Klee, Chagall. Hitler preferiva opere che rappresentavano il Super Uomo come dell'artista Alfred Bocklin.

La storia di queste opere è unica. All'inizio furono acquistate tutte e 1500 da un collezionista Hildebrand Gurlitt durante la seconda guerra mondiale. In seguito nascoste per mezzo secolo dal figlio. Nel 2010 quando ormai 80 enne Cornelius Gurlitt durante un controllo in treno per la Svizzera fu trovato con 9.000 euro in contanti, e una fila di cartelle vuote. Successivamente partì un indagine fino alla casa dell'uomo, e la scoperta delle opere accantonate in cantina.


foto: via[sxc.hu]

Nessun commento:

Posta un commento