lunedì 23 settembre 2013

Nigeria: Ogni giorno vengono rubati 100.000 barili di petrolio. Chi è il ladro?

La Nigeria terra di nessuno o forse di quel qualcuno che continua a speculare sulle risorse del suo territorio e sulla vita delle popolazioni locali. Se avete intenzione di rubare un po' di oro nero nel paese africano dove sapere che si calcola che  ogni giorno vengono rubati 100.000 barili di petrolio. Perciò viene da chiedersi chi è il ladro?  Una risposta che ovviamente tarderà ad arrivare.

La Nigeria è il 13 ° più grande produttore al mondo di petrolio, con una capacità di oltre 2 milioni di esportazioni di barili  al giorno.  In base a  un rapporto pubblicato giovedì scorso. si calcola che  il paese  ha il triste primato di essere depredato del suo prezioso greggio di una  quantità pari  circa a 100.000 barili rubati quotidianamente. 

Per anni i ladri attingono agli oleodotti del paese, o intercettano le spedizioni di carichi per  trasferirle su chiatte e imbarcazioni nel delta del Niger. Il petrolio già raffinato è venduto a livello locale, mentre il resto (fino al 90%) viene destinato per il mercato estero su navi più grandi. Questa attività fa perdere alla Nigeria  8 miliardi di dollari l'anno, lo stato africano sembra che non abbia i mezzi necessari per fermare tutto questo, se poi vogliamo aggiungere anche il territorio favorevole per il  furto su larga scala di petrolio greggio.

Ma probabilmente questo fenomeno è presente anche in altri paesi ricchi di oro nero, dove la mancanza di trasparenza nel settore petrolifero ha trasformato le riserve in un pozzo nero di violenza e furto. I ladri di piccola scala utilizzano praticamente sempre la stessa tecnica:  seghetto, o forare, installare rubinetti illegali e sulle tubazioni.

fonte: http://qz.com

foto: via[sxc]



Nessun commento:

Posta un commento