venerdì 21 giugno 2013

Le prime 10 donne più malvagie della storia - Parte 2




Ieri abbiamo elencato le prime 5 evil woman di sempre. Oggi terminiamo il nostro articolo aggiungendo le ultime 5 che non hanno nulla da invidiare come diavoleria alle altre perfide colleghe. Un viaggio dal sapore horror che ci condurrà a conoscere:  Le prime 10 donne più malvagie della storia - Parte 2


5- Mary Ann Cotton  (nata 1822 - 1873)

Al quinto posto ecco una donna inglese Mary Ann Cotton, un'altra  fredda serial killer che uccise le sue vittime per scopo di lucro, anticipando di 30 anni Belle Gunnes anch'essa spietata killer per fini economici. Mary Ann si sposò molto giovane all'età di 20 anni con William Mowbray. Gli sposini si trasferirono Plymouth, nel Devon, la coppia ebbe 5 figli, 4 di loro morirono di febbre gastrica e dolori lancinanti allo stomaco. 

In seguito dopo questa tragedia, William e Mary decisero di tornare nel loro paese al nord -est dell'Inghilterra dove ebbero altri 3 figli. Ma ancora una volta il destino o qualcosa di più maligno fu spietato e tutte e 3 i figli morirono. Pochi anni dopo anche William morì dello stesso disturbo di febbre gastrica. Mary ereditò 35 sterline per la scomparsa prematura del marito  

Qualche mese più tardi la donna si sposò con un certo George Ward uno dei suoi pazienti presso l'ospedale dove lavorava  la serial killer. Dopo neanche un anno benché George era ancora malato morì all'improvviso. Mary Ann ancora una volta, fu la destinataria dei soldi dell'assicurazione della morte del marito. Ma la donna continuò a fare collezione di mariti infatti,  si sposò ancora per ben altre 2 volte e stessa sorte per i nuovi consorti '' deceduti di febbre gastrica''

 Infine non contenta del suo genocidio uccise altri 2 amanti. L'arma con cui mieteva vittime era sempre la stessa, Mary somministrava dell'arsenico nelle bevande. All'epoca l'arsenico era facilmente reperibile in drogheria. Il 24 marzo del 1873 con prove schiaccianti Mary Ann Cotton fu impiccata nel carcere di Durham County dal boia  William Calcraft. 



4. Ilse Koch: (nata 1906 - 1967)

Moglie del comandante e capo di concentramento  Buchenwälder. La donna era considerata una strega, precisamente la strega di Buchenwälder. Ilse amava torturare i prigionieri e scuoiava i loro tatuaggi per farne paralumi. A cena voleva che la sua tavola fosse imbandita di pelle di teschi umani mummificati. Nel 1949 dopo un primo rilascio fu condannata a carcere a vita. Nel 1967 si tolse la vita impiccandosi nella sua cella.


3. Irma Grese: ( nata 1923 - 1945)

Anche lei come Ilse Koch faceva parte e guardia dei campi di concentramento nazista, quali: Ravensbruck, Auschwitz e Bergen-Belsen. Amava fare ogni forma di tortura ai deportati ebrei. In base alle testimonianze di alcuni superstiti slegò cani feroci contro di loro, stuprò donne, e uccise molti prigionieri.  Ad appena 22 anni fu impiccata come criminale di guerra.



2 -  Katherine Knight: 1955

La prima donna australiana ad essere condannata a vita senza nessuna condizionale. Le sue relazioni sentimentali sono sempre state violente. Tra i suoi crimini  frantumo tutti  i denti di  un ex marito. Nel 2000 uccise il suo nuovo compagno Joh Pricey con 37 coltellate, poi il corpo fu scuoiato  e messo a cuocere insieme a verdure e sugo. Il succulento menù era per i figli, che presto dovevano rincasare per la cena, e avrebbero mangiato delle parti del loro padre.

1- Elizabeth Bathory: ( 1560 - 1614)

Il suo sopranome era quello della Contessa Dracula. E' considerata come la serial killer più famosa in Ungheria. Si calcola che con altro 4 aguzzini abbia ucciso 300 giovani donne. A seguito di riti esoterici dediti alla magia nera e sadismo, e strane sparizioni di giovani aristocratiche denunciate dalla chiesa cattolica l'imperatore Mattia ordinò un'indagine sulla nobildonna.

 Quello che trovarono le guardia al castello fu sconcertante: ragazze torturate, cadaveri dilaniati, e altre ancora vive con parti del corpo mutilate. La sentenza fu tremenda - murata viva con un foro per ricevere il cibo, ma 4 anni dopo si lasciò morire di fame. Per gli altri collaboratori la pena di morte fu violenta:  alla fedele domestica le furono amputate le dita e bruciata via, Fizko decapitato e gettato anch'egli nel fuoco, Dorko arso vivo. Katalyna Beniezky la meno cattiva del gruppo fu condannata a una morte mite.



foto: via[ wikimedia commons]


6 commenti:

  1. Mia sorella mi ha prestato un libro tempo fa; una raccolta di biografie di donne malvage e la maggior parte si sono macchiate di crimini contro bambini.
    Mi ha talmente impaurita e angosciata che la notte ho dormito tenendo la mano a mio figlio. :(

    RispondiElimina