venerdì 15 febbraio 2013

Un membro del Parlamento canadese Pat Martin ha chiesto al ministro degli esteri di sviluppare una strategia per una possibile invasione di zombie

Pet Martin deputato al Parlamento canadese del New Democratic Party questa settimana nello svolgimento di un dibattito con i suoi colleghi,  si è alzato dal suo posto chiedendo al Ministro degli Affari Esteri John Baird di sviluppare una strategia internazionale con gli amici americani in modo da essere pronti ad una possibile invasione di zombie.

Il Primo Ministro con tono pacato e serio ha risposto alla domanda assicurando che sotto la sua guida: il Canada non sarà un porto sicuro per i morti viventi.  La richiesta di Martin, per quanto possa sembrare da film di fantascienza ha un fondo di verità. Infatti il Parlamentare, ha chiamato in causa il Meeting annuale sulla sicurezza civile che si svolgerà in Quebec, che affronterà su come affrontare un possibile attacco di zombie. 

Ma probabilmente queste creature sono solo una metafora o un esempio,  il tema centrale dovrebbe essere centrato nell'addestrare i partecipanti in un futuro post atomico e avvenimento catastrofico, dove in molti film di horror gli zombie sono stati una delle figure protagoniste.  Magari gli uomini quelli sopravvissuti all'estinzione di massa diventeranno a loro volta degli zombie, mutandosi geneticamente alla ricerca di persone ancora normali per sfamarsi.

Ad alimentare il panico negli Usa e nella vicina Canada  tra le persone di un'apocalisse di non morti, è stato uno scherzo ben riuscito tra due emittenti del Montana (Krtv e Cw), le  quali hanno affermato che in molte contee dello stato, dei cadaveri stavano uscendo dalla loro dimora eterna.


 Canadian zombies dress for success. (An Occupy Vancouver "Zombie Walk" in October 2011.)

foti via [npr.org]

3 commenti:

  1. Nella vita non si può mai dire... ahahahah :-)

    RispondiElimina
  2. Sembra quasi come lo scherzo/sceneggiato del grande Orson Welles con la Guerra dei Mondi xD

    RispondiElimina