giovedì 28 febbraio 2013

I trombati eccellenti delle ultime elezioni, continueranno a trombarci lo stesso

Aria di cambiamento nella politica italiana, la maggioranza degli elettori ha così votato: via le vecchie mummie dal Parlamento, largo ai giovani. Un discorso a parte con i suoi  77 anni suonati,  è per quella vecchia volpe di Berlusconi che ancora una volta è riuscito a ipnotizzare l'italionco (uomo di poca cultura e credulone )  portando  a casa un insperato risultato. 

Ma io vorrei parlare degli esclusi d'eccellenza di queste elezioni 2013, politici che ho sempre visto  seduti nelle poltrone del Parlamento da quando nel 1993 ho iniziato a votare. Ora gli  chiamano  in tono sarcastico i trombati eccellenti ma che continueranno ancora per molto tempo a trombarci lo stesso.

Fantasmi sempre presenti, che sentiremo  dietro respirare al nostro collo, e succhiare ancora la nostra anima:  perché percepiranno delle pensioni d'oro assieme a delle  buone uscite  che per un comune lavoratore, non bastano 40 anni di contributi. GianFranco Fini l'emblema degli esclusi eccellenti, dal 1983 Deputato non stop, percepirà una buona uscita di 260 mila euro e una pensione di 6200 euro netti. Ma la lista continua senza interruzioni passando ad Antonio Di Pietro con una  pensione da 4.300 euro e una  buona uscita di 60mila euro.

 Per gli altri trombati eccellenti basta cercare la lista su google, e prendere visione delle scandalose cifre e vitalizio che questi furbacchioni avranno come consolazione.  Trombato ma rimborsato.



foto: via [lameziainstrada.it]

Nessun commento:

Posta un commento