sabato 19 gennaio 2013

Sono di Andy Warhol le opere più vendute del 2012 per un totale di 380 milioni di dollari

 Le opere di Pablo Picasso sono  state tra le più vendute nel 2012 con un incremento  di vendita  superiore al 75%, eppure c'è chi ha fatto ancora meglio del maestro spagnolo. Andy Warhol, è stato il numero uno  con un totale di 380 milioni di dollari delle sue creazioni vendute. Dietro  questi due colossi ecco al terzo posto   l'artista tedesco visivo, Gerhard Richter la cui opera , Abstraktes Bild è stata acquistata per un prezzo record d'asta di 34 milioni di dollari, il totale delle vendite ammonta a 298 milioni di dollari.

A seguire  artisti del calibro di Mark Rothko, Francis Bacon, e Joan Miró e il grande maestro cinese   Qi Baishi .   Ma ancora una volta lo statunitense Andy Warhol, è stato il preferito dai collezionisti, ll vincitore di questa top dell'anno con 380,5 milioni dollari di vendite. La sua pittura in 3D della Statua della Libertà ha superato i suoi lotti passati arrivando  a  43,8 milioni di dollari  nell'asta avvenuta a novembre scorso  presso Christie di New York

La pittura del 1962  è uno degli anni seminali di Warhol - raffigura la celebre statua 24 volte, in 4 file di 6 immagini. E 'serigrafata in rosso su inchiostro verde in  uno sfondo bianco per creare l'effetto tridimensionale. "

Una nota di merito è doverosa  per l'ottantenne  tedesco Gerhard Richter  Il suo quadro astratto  Abstraktes Bild è stato venduto a Londra per una cifra di 33, 4 milioni di dollari in soli 5 minuti, un nuovo record per il prezzo pagato in un asta per un'opera di un'artista ancora in vita. Il quadro precedentemente  era di proprietà del leggendario chitarrista rock Eric Clapton.





classifica delle opere più vendute nel 2012



Andy Warhol, Statue of Liberty, 1962. © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc./Artists Rights Society (ARS) via flavorwire.com





Pablo Picasso, Nature Morte aux Tulipes, 1932  via flavorwire


Gerhard Richter, Abstraktes Bild (809-4) 1994  via flavorwire




Qi Baishi, Ode to the Motherland, 1954 via flavorwire




Nessun commento:

Posta un commento