lunedì 7 maggio 2012

PASSA IN SARDEGNA IL REFERENDUM ANTICASTA

La Sardegna anticipa il Paese nelle riforme e cancella con i referendum le Province regionali del Medio Campidano, Carbonia-Iglesias, Ogliastra e Olbia-Tempio e chiede l'abolizione di quelle storiche di Cagliari, Oristano, Nuoro e Sassari. Quorum superato per i dieci quesiti referendari: alle 22 di ieri, ora di chiusura delle urne, ha votato il 35,50%degli aventi diritto cioè 525.651 sardi. 

In provincia di Cagliari si è recato alle urne il 38,11% degli elettori (nel capoluogo ha votato il 40,44%), in quella di Nuoro il 34,76%, di Oristano il 33,04%, in provincia di Sassari il 37,23%, nel Medio Campidano il 42,55% (affluenza più alta), nella provincia di Carbonia-Iglesias il 31,53%, in Ogliastra il 28,74% e nella provincia di Olbia-Tempio il 26,85%. 

"Una giornata di grande partecipazione popolare che rappresenta una vittoria per la Sardegna e per tutti i Sardi'', è il commento del presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci. "I cittadini si riappropriano degli spazi della politica - ha aggiunto il presidente della Regione - e danno essi stessi impulso ad una stagione di cambiamento non più rinviabile, che deve coinvolgere tutta la politica e l'intera societa' sarda. Al di la' delle appartenenze di ciascuno, bisogna cogliere questo messaggio chiaro e la volonta' espressa di una Sardegna che intende decidere con scelte autonome e di rottura con il passato". 

Per quanto riguarda i quesiti, i primi quattro, insieme all'ottavo, sono abrogativi e cancellano le quattro province regionali di Medio Campidano, Carbonia-Iglesias, Ogliastra e Olbia-Tempio. L'ottavo taglia l'indennità dei consiglieri regionali. Chiede ai sardi se vogliono cancellare una legge che stabilisce che i compensi sono agganciati a quelli dei parlamentari 'in misura non superiore all'80%'. 

I quesiti consultivi, riguardano l'elezione diretta del presidente della Regione attraverso le primarie, la riscrittura dello statuto sardo, sull'indennità spettante ai membri del Consiglio regionale della Sardegna e il rimborso delle spese di segreteria, all'abolizione dei consigli di amministrazione degli Enti strumentali della Regione e alla riduzione dei consiglieri regionali da 80 a 50. 
Tra i quesiti l'abrogazione di quattro province e il taglio delle indennità per i consiglieri regionali
Fonte: Adnkrons 

1 commento: