giovedì 1 dicembre 2011

Pastori sardi picchiati perché siamo sardi

Il povero sarà sempre povero e si porta addosso  l'ombra dell'ingiustizie e dei soprusi. I Sardi popolo fiero di una  cultura millenaria che ha sempre vissuto la sua esistenza di agricoltura e pastorizia vede tutto questo pian piano scomparire, di chi è la colpa, chi è l'artefice di tutto questo?

Un anno fa dei pastori sardi al porto di Civitavecchia furono trattati dalle forze dell'ordine come criminali e picchiati, loro erano li per protestare a Roma, per dire basta a una situazione insostenibile, una vita che non è più vita se si deve vedere privare anche dei principi basilari.

3 commenti:

  1. Ma questa poi! Non ci sono parole, trattano come delinquente chi non se lo merita...

    RispondiElimina
  2. Purtroppo il mio popolo non è visto bene in qualche parte d'Italia, io stesso ne ho avuto la prova in Trentino pensavano che vivessimo tipo grotte o stalle ha ha, quando anche in Sardegna ci sono delle vere città come Cagliari o la stessa dove vivo io, la pastorizia è nell'entro terra o in campagna, ma vai a spiegarlo a certi ignoranti!

    RispondiElimina