giovedì 24 novembre 2011

Terremotati in Irpinia a vita?

Ieri guardando Striscia la Notizia sono rimasto davvero sena parole e ho provato un senso di inquietudine vedendo che a distanza di 31 anni delle persone degli esseri umani non hanno ancora avuto una casa dove abitare, per avere una vita più decorosa e colmare almeno in parte quel vuoto di aver perso tutto in 90 secondi nel terremoto dell'Irpinia.

Perché la gente normale deve sempre aspettare? Subire una burocrazia falsa senza compassione. Uomini e donne con le loro famiglie che vivono da più di 30 anni in condizioni estreme, in vere baracche. Tetti sopra la loro testa che stanno crollando di calcinacci vecchi  fatti di un materiale malato chiamato tetto in eternit.


Il mio dissenso è quello di altre migliaia di persone ma che passa inosservato, come essere umano non posso far finta di niente. Auguro che il 2012 possa regalare finalmente a questa gente una casa con i confort necessari. Perché una persona ha diritto ad avere sempre una dignità sacrosanta, un bambino quando nasce dovrebbe  gioire non  patire la sofferenza e disperazione, per colpa di un'apparato burocratico che non funziona. Politici cercate il vostro cuore almeno una volta nella vita.

Gianluca Scintu

Nessun commento:

Posta un commento