giovedì 13 ottobre 2011

In Italia sei gay ti sfotte la gente e perdi anche il posto di lavoro

Diverso in mezzo alla gente, ecco come si sentono molti omosessuali e trans in mezzo agli altri a noi uomini villosi e fieri, in breve i diversi, i discriminati sono degli invisibili.
Gli occhi delle persone finte perbeniste che normalmente lasciano cadere il proprio sguardo sui presunti diversi come una spada nel cuore, come una freccia nella schiena. Secondo un indagine in Italia i lavoratori trans e omosessuali vengono discriminati, accantonati all'angolo come peste bubbonica.

Ben il 13% degli intervistati non etero hanno affermato che la loro candidatura o colloquio di lavoro non è andata a buon fine, sempre per lo stesso motivo. C'è una strofa della canzone del rapper Fabri Fibra che mi ha colpito, cinica ma troppo realista, la canzone in questione è Speak English: In Italia sei gay ti sfotte la gente, In Inghilterra sei gay ti fanno dirigente.

Perciò molte persone per mantenere un posto di lavoro o per trovarne uno devono fingere e nascondere la loro vera natura, e come non essere mai nati, far parte dello stesso numero uguale alla massa, il diverso deve essere emarginato, lasciato morire con la propria anima.

Il 4,8% ha affermato di essere stato licenziato dal posto di lavoro con una scusa banale, ma la verità è stata per essere gay. Il capo, il perfetto man, che nelle sua mura domestiche magari indossa biancheria intima della moglie o dell'amante, ma dentro la sua roccaforte nella sua fredda azienda emargina i diversi, le persone vere che combattono per essere se stessi sempre.
foto see ming lee fonte wikimedia common

4 commenti:

  1. Io ne sono vittima, scusa se non metto il mio nome!

    RispondiElimina
  2. ciao figurati, grazi x aver lasciato un messaggio

    RispondiElimina
  3. Purtroppo la situazione è molto brutta anche nel resto di Europa, come dimostrano studi fatti proprio in questi giorni anche in altri paesi... link

    RispondiElimina
  4. Ciao Pier, grazie x il tuo messaggio, si è vero la situazione non è facile anche in altri stati europei, ma in Italia particolarmente.

    RispondiElimina