venerdì 28 ottobre 2011

Il ricco sarà sempre più ricco e potrà licenziarti quando vuole

Ma quale risanamento e bilancio dell'economia italiana, se sempre più nostri connazionali hanno difficoltà ad arrivare alla seconda settimana del mese. Avete notato i beni di prima necessità incalzano alle stelle, la tecnologia invece è sempre meno cara.

I politici continuano a giocare e speculare sulla vita delle persone, sul nostro futuro. Le ultime leggi e misure variate dai falsi profeti che qualcuno ha votato consentono ora di dare potere a un datore di lavoro o azienda di licenziare anche i lavoratori assunti a tempo indeterminato, l'operaio ormai è tagliato da tutto.

Aver visto la borsa schizzare al suo picco massimo dopo l'annuncio delle nuove misure inventate dal cavaliere Silvio Bonaparte è stato un coltello nella schiena della gente comune, una presa per i fondelli.

Il default delle banche non avverrà ne sono certo, la carestia il digiuno permanete è solo per i giovani e le famiglie.

Uomini al potere una classe dirigente italiana che scelleratamente continuo imperterriti a cancellare e abbattere tutti i traguardi e diritti che con fatica i lavoratori negli anni passati avevano ottenuto. Purtroppo la sinistra non esiste e inerte a tutto ciò (11 mila euro al mese anche a loro fanno comodo), sono schiavi dichiarati. Che fare allora forse lasciare il paese o scioperare tutti insieme, non credo esista nessun'altra scelta.

foto:scalleja - fonte wikimedia common

Nessun commento:

Posta un commento