martedì 4 gennaio 2011

Tutto si mostro’
per il suo
innato splendore,
momenti,quelle miriadi
di racconti tenuti dentro me,
che ancora oggi si celano
nella mia solitudine
anche il silenzio
raccolse i miei bui momenti
dove posso onestamente
mostrarmi per quel che
sento di essere.
E non giudicai
mai nessun mortale meno
di me,ma nelle gesta
della mia segreta esistenza
scolpii il mio disastrato futuro
all’ombra di quel cipresso,
e silenziosamente entrai
dentro il cuore dell’albero e
rimasi ad aspettare per sempre
e sperare quella mancata lealta’ tua.

1 commento: